Le modalità operative per svolgere la prova finale sono  le seguenti:

Appena lo studente ha acquisito 147 CFU, può richiedere l’argomento per prepararsi alla prova finale, valida 3 CFU (codice esame: 297ZZ). La richiesta si effettua via e-mail, scrivendo al docente gestore della prova finale (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), indicando:

  • nome e cognome,
  • numero di matricola,
  • numero di crediti raggiunti, (la prova che si è ottenuto un numero di CFU maggiore o uguale a 147 sarà fornita allegando alla e-mail la/le schermate del portale Alice, dalle quali risulti tale ammontare. In caso la verbalizzazione su Alice non sia ancora disponibile al momento della richiesta, si potrà allegare la schermata del portale Statini che riporti gli ultimi CFU acquisiti, dopo averla richiesta al docente verbalizzante)
  • esami mancanti col nome del docente.

Lo studente riceve una mail di risposta con indicato:

  • l’argomento inerente alla prova finale;
  • il docente che ha proposto l’argomento (che potrà essere contattato per ulteriori spiegazioni e chiarimenti). Tale docente viene nel seguito indicato come “docente di riferimento”;
  • un’indicazione sulla bibliografia minima da utilizzare per la preparazione della prova finale (con relativa ubicazione della fonte indicata). La bibliografia minima associata ai temi dal docente di riferimento è sufficiente a svolgere la presentazione. La ricerca di fonti ulteriori è facoltativa, a cura dello studente;
  • l’indicazione dei periodi per i successivi appelli in cui si svolgerà la prova.

La prova finale potrà anche essere svolta basandosi sul tirocinio da 6 CFU che è previsto dal regolamento del corso di studio come possibile opzione da utilizzare all’interno del paniere di 12 CFU a scelta dello studente. Se lo studente vuole usufruire di tale possibilità dovrà informare preventivamente il docente tutor del tirocinio, che diventa anche il suo docente di riferimento, e il docente gestore della prova finale di tale sua volontà, in modo che il docente gestore della prova finale possa prepararsi alla ricezione del suo voto di prova finale comunicato dal docente tutor una volta che la prova finale sia stata superata.

Durante l’anno accademico ci sono sei opportunità per sostenere la prova finale che si svolge con oltre un mese d’anticipo rispetto alle date degli appelli di laurea. Nel merito, i periodi nei quali fissare la data della prova vanno dal 10 al 20 gennaio, dal 10 al 20 febbraio, dall’1 al 10 maggio, dal 10 al 20 giugno, dal 10 al 20 luglio e dal 10 al 20 ottobre.

Almeno due settimane prima dell’inizio di uno dei periodi indicati al punto 4, lo studente deve contattare direttamente il docente di riferimento via e-mail per concordare la data dell’esame ed eventuali ulteriori dettagli. Mettendo in copia il docente gestore della prova finale, questa comunicazione verrà considerata anche come iscrizione alla prova finale.

Lo svolgimento della prova finale consiste in una presentazione orale con l’ausilio di diapositive (elaborate attraverso un software come ad esempio MS Powerpoint) della durata massima di 15 minuti, che potrà essere svolta in presenza o per via telematica con il docente di riferimento, secondo quanto preventivamente concordato con lui. Durante la prova il candidato è chiamato a discutere, ed eventualmente ad approfondire attingendo a fonti autonomamente reperite, l’argomento assegnato al punto 3 di questo regolamento, secondo il seguente schema di massima:

  • Prima parte: inquadramento generale dell’argomento nel contesto ingegneristico.
  • Seconda parte: approfondimenti relativi al materiale bibliografico eventualmente individuato autonomamente dal candidato (citando le fonti).

Non esiste un limite al numero di slides ma si suggerisce di contenerlo tra le 15 e le 25. Si consiglia anche di contenere la quantità di animazioni e utilizzarle principalmente al fine di rendere più efficace la comunicazione. Al termine della presentazione si apre la discussione con il docente di riferimento, che rivolgerà al candidato ulteriori domande o richieste di chiarimento/approfondimento inerenti ai temi trattati nella presentazione. La durata del colloquio successivo alla presentazione sarà, indicativamente, di circa 20 minuti.

Il materiale di base fornito dal docente di riferimento, così come quello eventualmente reperito dallo studente per gli approfondimenti, potrà essere sia in italiano che in inglese. La presentazione e il successivo colloquio saranno in italiano, salvo diversa indicazione del docente.

I criteri di valutazione sono:

  • Consistenza: capacità di creare una struttura coerente delle diapositive a livello logico.
  • Completezza: capacità di coprire tutti gli aspetti fondamentali inerenti all’argomento assegnato.
  • Esposizione: efficacia e chiarezza nella comunicazione. Corretto utilizzo del linguaggio tecnico/ingegneristico.
  • Autonomia: capacità di individuare e discutere temi di approfondimento in modo autonomo.
  • Rispetto della tempistica.

Nel caso in cui la prova finale sia sviluppata in base allo svolgimento del tirocinio da 6 CFU, alla presentazione potrà assistere anche il tutor esterno, che potrà poi contribuire alla definizione del voto da assegnare alla prova finale, discutendo in separata sede con il docente tutor/di riferimento.

Al termine dell’esame il docente di riferimento comunicherà il risultato (se idoneo, con voto in trentesimi, facoltativamente accompagnato da un giudizio analitico) allo studente via e-mail mettendo in copia il docente gestore della prova finale che si occuperà di inserire il voto nel sistema di statini in rete, così come di registrarlo sul libretto cartaceo dello studente, previo appuntamento richiesto dallo studente stesso

In caso di esito negativo lo studente può sostenere un’altra prova sul medesimo argomento, ovviamente con un titolo di tema diverso. A fronte di un secondo esito negativo, sono assegnati allo studente un nuovo argomento e un nuovo docente di riferimento. Se l’esito negativo ha invece riguardato la prova finale basata sul tirocinio, la prova finale sarà reiterata fino al conseguimento di un esito positivo.